Lo Studio

Lo studio legale Lapiccirella ha maturato competenze in diverse aree di attività, sia in ambito giudiziale che stragiudiziale; tale circostanza ha contribuito a formare un profilo completo e versatile in grado di sviluppare, su ogni tematica affrontata, una visione approfondita e “tagliata su misura”, ponendo particolare attenzione alla qualità del servizio offerto.

La filosofia dello studio che mira alla cura dei particolari con precisione artigianale, porta ad accettare solo gli incarichi per i quali si può garantire lo svolgimento con serietà ed impegno ed in assenza di profili di incompatibilità.

Per raggiungere detti obiettivi, al cliente saranno illustrate sia le alternative tradizionali del percorso giudiziario, sia i percorsi alternativi di soluzioni delle vertenze quali, ad esempio, l'arbitrato e la mediazione o ancora nell'adozione di forme di transazione privata che permettano di raggiungere un equo risultato in tempi ragionevoli.

Lo studio presta, inoltre, la dovuta attenzione alla pianificazione preventiva dei costi per il cliente ed al contenimento degli stessi.

In particolare, lo studio opera nei vari settori del diritto civile con particolare riferimento al diritto bancario, al recupero crediti (e gestione del contenzioso ad esso connesso), al diritto condominiale, alle locazioni, al diritto di famiglia ed ai sinistri stradali.

L’esperienza dello Studio nel diritto bancario è dovuta al grande impegno in quest’area di intervento grazie alla collaborazione fiduciaria con primari Istituti di credito.

Nell'espletamento della sua attività, lo Studio si avvale di profili professionali specifici per le singole competenze, nonchè di aggiornate tecnologie e banche dati.

Lo Studio, ormai da anni, aderisce al Processo Civile Telematico, sfruttando appieno tutte le possibilità che lo stesso offre ai professionisti legali. 

News

lug20

20/07/2024

Codice di procedura penale in PDF

Scarica l’ebook gratuito del testo del

lug19

19/07/2024

Telemarketing: sanzione del Garante a nota azienda del settore energetico

Oltre 6 milioni di euro per chiamate senza